la psicologia le psicologie?

La storia dello sviluppo del pensiero dell’uomo va di pari passo con l’evoluzione del pensiero scientifico e delle principali innovazioni tecnologiche, per questo motivo l’uomo ha dovuto ricostruirsi in continuazione nella ricerca spontanea di capire se stesso e di creare nuove identità. Una delle svolte principali dell’uomo classico nell’ambito della fisica è stata la scoperta della gravità e la meccanica celeste (Newton), il mondo per la prima volta si rivela agli occhi degli uomini in modo meccanico, la lettura dei fenomeni trova spiegazione in una matrice causale piena di relazioni causa – effetto simili a quelle di un orologio meccanico; questa modalità di pensiero ha accompagnato simultaneamente la visione dell’uomo materiale. Con questa matrice sono nate alcune teorie psicologiche, in genere quelle più conosciute nel nostro sentire quotidiano, le quali appartengono a scuole di pensiero di tipo meccanicistico (causa – effetto) dove esiste una sola realtà monista irrefutabile. In pratica sono teorie che vogliono ricercare le cause degli stati attuali dell’individuo nella storia personale passata e purtroppo pretendono di catalogare la complessità umana con l’etichetta della “normalità” e l’etichetta della “non normalità” o “patologia”.

Le teorie postmoderne a cui noi faciamo riferimento nel nostro lavoro di psicologi, rispecchiano una nuova tappa del pensiero umano attuale ancora in fase di sviluppo, ma non per questo incompleto, dove le risposte non trovano domanda sul perché dei fenomeni, ma sul come accadono gli eventi complessi che vanno oltre al mondo visibile e che sono presenti in tutte le scale possibili dell’universo, compreso l’uomo. Non esiste quindi una sola realtà, esistono infinite narrazioni della realtà. Non esistono malattie mentali perché la psiche non è un organo del corpo, la psiche è il complesso di significati che si crea dall’interazione e dalla relazione fra individui che condividono uno stesso contesto culturale.

Amenaza_inteligencia_electronica_humana

l'uomo meccanicista

This entry was posted in Psicologia, Senza categoria and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *