Intercultura o multicultura a scuola…?

p7014

Oltre l'orizzonte

Gli obiettivi dell’educazione interculturale a scuola

A scuola è difficoltoso parlare di intercultura, senza confonderla con l’inserimento degli alunni stranieri. Sul sito del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (www.istruzione.it) cliccando sulla voce “Intercultura” si legge:

La presenza degli alunni di origine straniera, in progressivo aumento negli ultimi anni, è un dato strutturale del nostro sistema scolastico. L’Italia ha scelto, fin dall’inizio, la piena integrazione di tutti nella scuola, e l’educazione interculturale come dimensione trasversale e come sfondo integratore che accomuna tutte le discipline e tutti gli insegnanti. La scelta di questo orizzonte culturale, insieme al ricco e variegato patrimonio di progetti organizzativi e didattici costruiti e verificati sul campo dalla scuola dell’autonomia, concorrono a definire una possibile via italiana all’integrazione.”

Quando parliamo di intercultura nelle scuole la prima cosa che viene in mente è l’inserimento e la facilitazione per gli alunni stranieri che si trovano “catapultati” in Italia e nella scuola italiana, ma intercultura non è solo questo, che si mostra come il problema più urgente da risolvere.

Inoltre l’intercultura viene spesso scambiata con la multicultura. I termini “multicultura” e “intercultura” sono spesso utilizzati come sinonimi e in maniera indifferente. In realtà, le due definizioni rimandano a significati diversi. Il termine “multicultura” ha una connotazione descrittiva che si riferisce alla coesistenza di fatto fra culture diverse. Il multiculturalismo, inoltre, è un assunto che si basa quantomeno su un doppio errore:

–          che l’individuo sia per così dire completamente sovradeterminato dalla cultura;

–          che le società siano mono-culturali prima dell’arrivo dei migranti.

Con “multicultura” si descrive, quindi, un accostarsisommarsi di realtà che proprio nella diversità (da dis-vertere, cioè volgere nel senso opposto) trovano il proprio termine di paragone. In questo modo, attraverso l’idea di uno scostamento, di un allontanamento dalla norma, dal condiviso, da ciò che è diffuso e comune, si arriva presto ad ipotizzare un confine abbastanza netto e preciso che, a volte, può apparire invalicabile.

Si potrebbe dire che l’educazione multiculturale coincida in gran parte con l’educazione civica globale del cittadino. Un’educazione alla complessità del nostro presente, al rispetto e ad un atteggiamento di confronto civile con chi, in un modo o nell’altro, si presenta come diverso da noi. L’educazione interculturale, invece, si riferisce allo “sviluppo di abilità di pensiero, che possono contribuire al cambiamento di atteggiamenti e di comportamenti per correggere giudizi stereotipati e preconcetti” (Lynch, 1993).

L’intercultura, diversamente dal multiculturalismo, è un qualcosa da costruire, un processo da avviare, un fare. Il tema centrale dell’ intercultura è la necessità di un terreno comune di dialogo, di un codice di comunicazione che consenta un rapporto pacifico e civile con le molteplici diversità che percorrono le nostre realtà quotidiane.

L’intercultura è anche educazione alle differenze, nell’ottica del conoscere e approcciarsi all’altro come persona con delle uguaglianze e delle differenze da sé. L’altro come diverso implica un’accezione negativa, l’altro come differente implica invece la possibilità dell’incontro costruttivo, dello scambio e della crescita.

Il termine intercultura,  pone l’accento non tanto sulla compresenza di più culture, neanche sui valori della tolleranza o del rispetto, quanto sullo scambio, sul baratto, sui cambiamenti reciproci che avvengono o possono avvenire attraverso il dialogo. È il confronto dialogico che affonda le sue radici non solo nell’accoglienza più o meno benevola dello straniero, ma anche nella ricerca di relazione, nell’interazione, nell’assunzione di responsabilità e di opportunità di arricchimento personale e sociale grazie alla presenza di un “altro”. La diversità si tramuta in differenza come panorama di potenzialità presenti in ogni soggetto singolo, unico, irripetibile; il punto di partenza si disloca nella ricerca di quella caratteristica che, nella differenza, può essere in comune e può mettere in comunicazione. I conflitti, le divergenze, le incomprensioni saranno speciali tasselli di un vasto mosaico e, anch’essi, daranno il loro personale e importante contributo al progetto di indagine e riconoscimento reciproco.

“Con multiculturalità si indica un dato di fatto: l’esistenza, su un territorio, di molteplici culture. Con interculturalità si intende un progetto di interazione tra le parti.” (Bosi A., 1998)

L’intercultura non è un contenuto, è un metodo di lavoro. L’educazione interculturale si può fare nelle scuole anche in assenza di stranieri. Non esistono quindi scontri di culture, ma solo scambi tra persone.

This entry was posted in intercultura, Senza categoria and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *