DSA

matite albero

Avere un Disturbo specifico dell’apprendimento, clinicamente chiamato DSA,  significa avere difficoltà nell’automatizzazione del segno grafico per cui la lettura (DISLESSIA), la scrittura (DISGRAFIA O DISORTOGRAFIA) o il calcolo (DISCALCULIA) sono eseguibili solo con un enorme sforzo attentivo, ma i risultati ottenuti non rispecchiano questo impegno. La lettura può essere lenta o stentata, la scrittura può presentare numerosi errori, inversione o sostituzione di lettere….

Chi presenta un DSA ha un quoziente intellettivo nella norma o superiore, non ha disturbi sensoriali, neurologici o neuropsichiatrici, ha solo un diverso modo di imparare perché non riesce ad accedere con la stessa facilità dei compagni agli apprendimenti. Tutto questo porta il bambino, e poi l’adolescente, a sentirsi sempre inadeguato e ciò ha ripercussioni negative sulla sua autostima. Il disagio psicologico indotto dai DSA spesso induce la disaffezione verso la scuola e l’apprendimento in termini più ampi aumentando in maniera esponenziale il rischio di abbandono scolastico.

Nello specifico l’Associazione opera in base ai criteri stabiliti dalla Consensus Conference e a quelli della circolare ministeriale dell’aprile 2012 e offre servizi di:

  • Consulenza ai genitori.
  • Valutazione attraverso test standardizzati per la misurazione dell’intelligenza e delle abilità specifiche.
  • Valutazione logopedica
  • Riabilitazione cognitiva per:
      • il disturbo specifico di lettura (dislessia evolutiva)
      • i disturbi specifici di scrittura (disortografia e disgrafia)
      • il disturbo specifico del calcolo (discalculia)
      • il disturbo della comprensione del testo.
  • Training di Neurofeedback per i Disturbi Specifici dell’Apprendimento.
  • Consulenza a insegnanti e consigli di classe.

images4

Segnaliamo qui di seguito alcuni dei segnali tipici che possono presentarsi nei Disturbi specifici di apprendimento. Individuarli permette di prevenire eventuali difficoltà all’ingresso alla scuola primaria o di riconoscere il disturbo precocemente.

Vostro figlio/a:

A 5/6 anni fatica a scrivere il proprio nome?

A 5/6 anni fatica nei giochi con i fonemi (ad esempio: P di palla)?

A 5/6 anni appare goffo o poco preciso nella motricità fine?

A 6/7 anni fatica nel riconoscimento delle lettere?

A 6/7 anni fatica nell’apprendimento della lettura e della scrittura?

A 6/7 anni scrive alcune lettere o numeri al contrario?

A 6/7 non riconosce la destra e la sinistra e fatica nel comprendere ieri/oggi/domani?

A 6/7 anni non ricorda i giorni della settimana o dei mesi?

A 6/7 anni fatica a memorizzare piccole poesie o filastrocche?

A 6/7 anni non riesce a leggere le ore?

A 6/7 anni fatica ad allacciarsi le scarpe?

A 7/8 anni fatica a leggere o a scrivere?

A 7/8 anni è poco motivato nel leggere  e nello scrivere?

A 8/9 anni fatica nell’apprendimento delle operazioni?

A 8/9 anni fatica a memorizzare le tabelline?

Si distrae facilmente a scuola o a casa durante lo svolgimento dei compiti?

Lamenta fatica nella scrittura e dolori alla mano?

Scrive in modo poco leggibile?

Fatica nella grafia in corsivo?

Ha un’impugnatura non corretta della penna?

Compie errori di incolonnamento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *